Visite illustri

La cultura a Vico Equense

I premi Nobel

visitano Astapiana dimora di lusso

John F.Nash (Economia 1995), Riccardo Giacconi (Fisica 2002), Sir Harold W. Kroto (chimica 1996), Paul J.Crutzen (Chimica 1995) hanno potuto apprezzare l’ospitalità e la cucina della nostra struttura in occasione della loro venuta a Vico Equense per ricevere il Premio Capo d’Orlando, riconoscimento organizzato dal Museo Mineralogico Campano.

La direzione del Museo ha scelto Villa Giusso Astapiana come punto cruciale del soggiorno in costiera sorrentina degli illustri scienziati e di altri autorevoli premiati nelle altre sezioni della manifestazione culturale.

I would finally renounce my delusional hypotheses and revert to thinking of myself as a human of more conventional circumstances and return to mathematical research.

Prof. J. Forbes Nash – 2003,
Premio Nobel Economia 1994

Our visit was certainly the high point of our visit to the Naples region.

Prof. Sir Harold Kroto – 2007,
Premio Nobel Chimica 1996

Ammirato e riconoscente per il luogo magnifico e la gentilissima ospitalità. Con grande simpatia. Con grande gratitudine per averci concesso di condividere tanta bellezza.

Prof Riccardo Giacconi – 2005,
Premio Nobel Fisica 2002

To Mrs Giusso and family, maby thanks for my wife and me for a wonderful dinner and the great view of the surroundings. You really live in Paradise.

Prof. Paul J. Crutzen – 2008,
Premio Nobel Chimica 1995

Personaggi della cultura e dello spettacolo

hanno apprezzato il fascino di Astapiana

Ho apprezzato i sapori della cucina e soprattutto l'azione di conservare nel tempo e valorizzare il patrimonio storico ed artistico mediante la realizzazione del museo de la maison. Ritrovando tradizioni, e viandanti e statue.

Vittorio Sgarbi,
critico d'arte

Grazie per la magnifica ospitalità e per le "sensazioni" di un altro, bel tempo antico.

Massimo Capaccioli,
astrofisico

Ad Astapiana, tra confettura, sperimentazioni, prelibatezze culinarie, e una natura incantata. Grazie Signora Giulia.

Alfio Quarteroni,
co-progettista di "Alinghi"

Il punto di vista più assolutamente straordinario sulla penisola degli dei, lo scenario più fantastico sul Vesuvio e su Napoli, come se, al di là di questo "vetro immaginario" si potesse godere della città senza il suo caos, la sua confusione. Così il Golfo ti va direttamente dentro l'anima attraverso il sole che si immerge tra Ischia e Capo Miseno. E poi l'eremo: tranquillità dei sensi assoluta, ritrovo metafisico e terrazze di chiacchiere e conversazioni, perché si vive di metafisica e parole. Diffonderemo il verbo.

Mario Tozzi,
autore e conduttore televisivo

Conserverò tanta nostalgia per l'incantevole accoglienza che ho ricevuto da Giulia, regina di Astapiana.

Arrigo Petacco,
storico e giornalista